Bandiera delle Barbados

Bandiera delle Barbados

Il distintivo della bandiera coloniale delle Barbados mostrava una scena fantasiosa in cui un'enorme conchiglia con ruote a pale trainate da cavallucci marini trasportava un re. Il monarca reggeva un tridente, un classico simbolo del mare associato nell'antica mitologia greca al dio Poseidone (il Nettuno romano).

Chichen Itza.  Chichen Itza e il muro dei teschi (Tzompantli).  Antica città Maya in rovina di Chichen Itza, situata nel sud-est del Messico.  Sito del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Quiz Esplorando la storia dell'America Latina Quale paese non faceva parte del paese storico della Gran Colombia?

Con l'avvicinarsi dell'indipendenza, le Barbados hanno sponsorizzato una competizione tra i suoi cittadini per una nuova bandiera nazionale. Grantley Prescod, insegnante d'arte e nativo delle Barbados, ha esaminato i simboli esistenti per trarne ispirazione. Il sigillo delle Barbados gli suggerì l'uso del caratteristico tridente. Dopo diversi schizzi variabili, Prescod è arrivato al progetto che ha infine presentato. Questa scelta vincente aveva strisce verticali uguali di blu-giallo-blu per mare, sabbia e cielo, con la testa del tridente rappresentata al centro in nero. Conteneva quindi gli elementi essenziali per un buon design della bandiera secondo gli standard vessillografici. Era unico, semplice, distintivo, simbolico dell'area che doveva rappresentare e facile da disegnare o fabbricare. Il progetto è stato approvato dal College of Arms di Londra e dal governo delle Barbados. Fu issato per la prima volta il 30 novembre,1966, quando il paese divenne indipendente.