Dinastia Holkar

Dinastia Holkar , governanti Maratha di Indore in India. Si dice che la famiglia, di origine contadina e di casta di pastori, sia emigrata dalla regione di Mathura al villaggio Deccan di Hol, o Hal, il cui nome, unito a kar (“abitante di”), divenne il cognome della famiglia.

Il fondatore della dinastia, Malhar Rao Holkar, è cresciuto da origini contadine per sua abilità. Nel 1724 Baji Rao I, il peshwa (primo ministro) dello stato di Maratha, gli diede il comando di 500 cavalli, e presto divenne il capo generale dei peshwa a Malwa, con quartier generale a Maheshwar e Indore. Alla sua morte (1766) era il sovrano virtuale di Malwa. Dal 1767 al 1794 la vedova di suo figlio, Ahalya Bai, governò lo stato con grande abilità e comprensione. Indore era un'isola di pace e prosperità in un mare di violenza, e il suo governo divenne proverbiale per la giustizia e la saggezza. Tukoji Holkar, un lontano parente che aveva nominato comandante delle sue forze, le successe due anni dopo; alla sua morte, nel 1797, il figlio illegittimo Jaswant Rao prese il potere.

Allo scoppio della seconda guerra Maratha nel 1803, Jaswant Rao rimase neutrale, ma nel 1804, dopo la sconfitta di Sindhia (uno degli altri stati della confederazione Maratha), attaccò gli inglesi e assediò Delhi. Le sue forze furono sconfitte, tuttavia, a Dig e Farrukhabad nel novembre 1804, e un anno dopo fece la pace. Poco dopo divenne pazzo; morì nel 1811. Il governo della famiglia Holkar continuò, segnato da controversie e abdicazioni, fino alla fine dello stato come entità separata dopo l'indipendenza indiana nel 1947.

Questo articolo è stato recentemente rivisto e aggiornato da Maren Goldberg, Assistant Editor.